domenica 3 luglio 2016

Anagni - Festival del Teatro Medievale e Rinascimentale: dal 25 agosto al 4 settembre 2016


    Festival del Teatro Medievale e Rinascimentale di Anagni

    • Dal 25 agosto al 4 settembre 2016 si svolgerà la 23esima edizione del Festival del Teatro medievale e rinascimentale proposto dal Comune di Anagni (assessorato alla cultura) con la direzione artistica di Giacomo Zito.
    • Molto ricco il programma della rassegna che vedrà la partecipazione di importanti e popolari artisti come Alessandro Benvenuto, David Riondino, Alessandro Haber, Ennio Fantaschini, Pippo Franco e molti altri.
    • L'inaugurazione della prestigiosa rassegna è prevista alle ore 21 di giovedì 25 agosto in piazza Innocenzo III con “La storia de le meraviglie del mondo”, una giullarata tra i viaggi di Marco Polo  con Marina De Juli e il gruppo musicale Cantoantico.
    • Questi gli altri spettacoli proposti, tutti con inizio alle 21:
    • Venerdì 26 agosto in piazza Innocenzo III “L'Avaro” di Molière con Alessandro Benvenuti
    • Sabato 27 agosto in piazza Innocenzo III “Un inferno” (Viaggio intorno all'Inferno di Dante Alighieri) con la Compagnia Azzurra Teatro
    • Domenica 28 agosto “Bocca baciata non perde ventura” di Giovanni Boccaccio con David Riondino
    • Martedì 30 agosto al Palazzo Bonifacio VIII (prima recita alle ore 19, la seconda alle 21) “Lucrezia Borgia. Parto per tre matrimoni” con Barbara Bovoli e Fanny Cadeo
    • Mercoledì 31 agosto in piazza Innocenzo III “Maria Stuarda” di Friedrich Schiller (associazione culturale Seven Cults)
    • Giovedì 1 settembre alla Badia della Gloria “La notte delle donne sapienti” di Monica Fiorentini e Velia Viti
    • Venerdì 2 settembre alle Absidi della Cattedrale “Coriolano” di William Shakespeare (associazione culturale Drakkar)
    • Sabato 3 settembre in piazza Innocenzo III “Brancaleone” con Pippo Franco diretto da Giacomo Zito
  • Domenica 4 settembre in piazza Innocenzo III “La tentazione del potere” - dialoghi immaginari tra Celestino V e Bonifacio VIII con Alessandro Haber ed Ennio Fantaschini.

  • Nell'ambito del Festival, inoltre, due appuntamenti sono previsti nella Sala della Ragione il 31 agosto e il 2 settembre alle ore 18, rispettivamente “Concerto d'arte” di Elio Crifò e “Tracce di antiche dottrine nel cantico di Francesco d'Assisi”  a cura di Alfredo Stirati.
  • Un Festival, dunque, aderente alla storia della città e che valorizza i luoghi più belli di Anagni: “Il nostro impegno per questo Festival – dichiarano il sindaco Fausto Bassetta e l'assessore alla cultura Simona Pampanelli – è al massimo per rilanciarlo e farne un prezioso strumento culturale di richiamo turistico per la nostra città”.


giovedì 30 giugno 2016

Anagni - E' morto il pittore Rodolfo Romano

E' morto Rodolfo Romano,  uno dei più grandi pittori figurativi del nostro territorio. Tra le sue opere ricordiamo la serie di teleri (tele di grandi dimensioni) raffigurante episodi della vita della Vergine nella chiesa della Madonna delle Grazie, e un grande dipinto nella chiesa di San Giuseppe, all'Osteria della Fontana.

Vedi: http://anagniarte.blogspot.it/2009/12/rodolfo-romano.html

Vedi Anagnia

http://www.tg24.info/anagni-rodolfo-romano-ha-raggiunto-i-suoi-angeli-video/

martedì 14 giugno 2016

Anagni - L'Architettura del ‘900






Con l'incontro di oggi, 14 giugno,  è terminato il ciclo dedicato all'architettura del ‘900 e, in particolare a quella italiana tra gli anni Venti e gli anni Quaranta. Le due  conferenze, che hanno suscitato l'interesse del pubblico, sono state tenute dall'arch. Luigi Di Lorenzo.
In questo secondo incontro si è parlato brevemente anche del
Convitto Principe di Piemonte di Anagni.










------------------------

sabato 4 giugno 2016

Unitre di Frosinone - Presentazione della Mostra di Pittura‭ da parte‭ ‬di Alfio Borghese ed Enrico Fanciulli

di Enrico Fanciulli

La mostra che si è inaugurata ieri,‭ ‬in una sede importante come il Palazzo della Provincia,‭ ‬conclude i corsi annuali di Pittura tenuti dalla Unitre di Frosinone con i docenti A.‭ ‬Spaziani e A.‭ ‬Vari.
Sappiamo come gli allievi che li frequentano si dedichino con amore ed impegno all’attività pittorica,‭ ‬ponendo la gioia di partecipare ini posizione privilegiata.
L’accademico Gleyre un giorno apostrofò con tono di evidente disapprovazione,‭ ‬il giovane Renoir,‭ ‬suo allievo nell’atelier all‭’‬Ecole des Beaux-Arts:‭ “‬è senza dubbio per divertirsi che lei dipinge,‭ ‬vero‭?
“Ma certamente‭ – ‬rispose l’allievo‭ – ‬e se non mi divertissi la prego di credere che non dipingerei affatto‭”‬.
Questo aneddoto ci fa comprendere la natura del rapporto che legava Renoir alla pittura:‭ ‬un divertimento gratificante,‭ ‬una gioia pura che si rinnovava di continuo col procedere sulla tela
nell’opera creativa.
Siamo certi che anche gli allievi del corso sono sospinti dall’amore per la pittura,‭ ‬e vogliono provare gioia,‭ ‬emozione e gratificazione in un sano divertimento che li eleva spiritualmente.
Essi sono per tutto ciò che esalta la vita,‭ ‬che palpita e fa palpitare il cuore.
Sicuramente,‭ ‬visto il genere di pittura che fanno,‭ ‬cercano nella natura la fonte ispiratrice ed attraverso una personale elaborazione,‭ ‬esprimono sensazioni,‭ ‬sentimenti,‭ ‬emozioni.
Non appartengono certamente alla nutrita schiera dei deviati che frequentemente si trovano in certa arte contemporanea.
Essi seguono diligentemente il loro bravo ed esperto docente lungo un sentiero affascinante alla ricerca del Bello.
Cercano sull’onda della loro sensibilità,‭ ‬e sorretti dal loro talento,‭ ‬la bellezza del creato,‭ ‬contro le profanazioni alle quali esso è frequentemente sottoposto.
Sappiamo che non cedono alle chimere di un eccessivo razionalismo in Arte ma sono per il rilancio di un Umanesimo,‭ ‬ora sopito,‭ ‬ma che ritroverà la sua più bella espressione,‭ ‬anche per merito dell’Arte che vive del sostegno spirituale degli Artisti.
La loro pittura è un atto di fede verso la‭ “‬natura‭” ‬nella quale cercano la‭ “‬fonte di viva ispirazione‭” ‬ed il motivo per una felice elaborazione tematica.
Il percorso artistico è lungo e laborioso,‭ ‬ma con il necessario talento,‭ ‬l’assidua dedizione e l’insegnamento di qualità si possono raggiungere traguardi di rilievo.
Si possono già apprezzare dei buoni dipinti,‭ ‬frutto di‭  ‬maturata esperienza e di fresca espressività,‭ ‬che qualificano la rassegna finale dei corsi di pittura dell’anno accademico‭ ‬2015-2016.
è‭ ‬un piacere immergersi visivamente nelle tele qui esposte che sono gratificanti e coinvolgenti.
Siamo,‭ ‬pittoricamente parlando,‭ ‬in un figurativo che vuole dialogare con i fruitori con un linguaggio comprensibile.
La semplicità e la coerenza sono gli elementi che più di frequente sorreggono con efficacia la struttura compositiva,‭ ‬ma non mancano costruzioni più articolate e complesse,‭ ‬espressione delle diverse personalità generatrici dei dipinti.
Possiamo constatare come questa rassegna costituisca non solo un deciso passo avanti sul piano didattico,‭ ‬ma esprima sul piano delle individualità decisi segni di maturazione artistica che preludono al raggiungimento di mete molto interessanti.
Un plauso sentito va alla Unitre di Frosinone e alla Preside Margherita Pullano Savà per l’attività organizzativa svolta ed i lusinghieri risultati conseguiti.
Ora vogliamo scrivere qualcosa sul corso tenuto dal Prof.‭ ‬Alberto Vari che conosciamo da molti anni,‭ ‬e sui suoi allievi.
Alberto Vari
Il Prof.‭ ‬Vari ha una solida preparazione artistica ed ha realizzato tanti pregevoli quadri,‭ ‬ha partecipato a moltissime mostre ricevendo lusinghieri riconoscimenti.‭ ‬Cura amorevolmente gli allievi guidandoli sul piano tecnico ed artistico nell’intento di ottenere livelli sempre migliori.

Alberto è stato un allievo di Giovanni Colacicchi,‭ ‬educato in un particolare ambiente culturale.‭ ‬La sua è una pittura figurativa e tonale.
I suoi allievi hanno avuto un insegnamento che proviene da tale matrice,‭ ‬con il rispetto dei canoni acquisiti,‭ ‬ma con varianti che,‭ ‬nello spirito di libertà che è proprio dell’Arte,‭ ‬fannno emergere le personalità dei singoli allievi.
Dotati di un naturale talento,‭ ‬più avanti o meno negli anni accademici,‭ ‬i pittori lavorano con amore e dedizione,‭ ‬sotto l’impulso e la direzione del valente ed esperto docente,‭ ‬che progressivamente li conduce a livelli di preparazione e maturità artistica degni di lode.
Esprimiamo i nostri più vivi complimenti al Prof.‭ ‬Alberto Vari per la qualificata attività didattica svolta e per i risultati ottenuti.‭ ‬Ai suoi allievi diciamo bravi e ci complimentiamo per il livello tecnico ed artistico raggiunto.
Di seguito riportiamo delle notazioni su alcuni quadri esposti e sulla pittura degli allievi del Prof.‭ ‬Vari.
Elenco dei quadri‭ ‬,‭ ‬dipinti ad olio,‭ ‬esposti

Ada Cataldi
-‭ ‬Casale di Malborghetto Roma
-‭ ‬Castello di Albola nel Chianti
-‭ ‬Elfo suonatore di flauto‭
   (realizzato con brecciolino e sabbie naturali senza aggiunta di colori‭)

Ettore Campioni
-‭ ‬Oasi della tranquillità
-‭ ‬Tesori d’autunno

Pina Palmegiani
-‭ ‬Paesaggio
-‭ ‬Natura morta

Marilena Stirpe
-‭ ‬Melanconia
-‭ ‬Natura morta

Anna Evangelisti
-‭ ‬Castello nel Chianti
-‭ ‬Ninfa

Maria Antonietta Altobelli
-‭ ‬Ciclisti per le strade della Ciociaria
-‭ ‬Paesaggio alpino

Maria Teresa Picchi
-‭ ‬Ritratti di Chiara

Marilena De Carolis
-‭ ‬Cattedrale di Anagni
-‭ ‬Robert Redford

Filomena Naclerio
-‭ ‬Badia di Ceccano
-‭ ‬Architiello di San Felice‭ ‬-‭ ‬Gargano

Patrizia D’Arpino
-‭ ‬Natura morta
-‭ ‬Cesto di frutta

Armando Troiani
-‭ ‬I colori dell’autunno
-‭ ‬L’abito rosa

Angela Simonetti
-‭ ‬Child War

Rita Mastronardi
-‭ ‬Mare di essenze
-‭ ‬Vita silenziosa


Ada Cataldi
Artista da molti anni,‭ ‬ha una pittura tonale.‭ ‬Fa ottime composizioni,‭ ‬ed è dotata d iun buon talento disegnativo.‭ ‬I suoi dipinti sono freschi e l’occhio del fruitore vi spazia con gratificazione.

Ettore Campioni
Pittore amante della natura,‭ ‬dalla quale trae ispirazione,‭ ‬ha dipinto una bellissima natura morta con melograni,‭ ‬castagne e funghi,‭ ‬realizzata con colori caldi autunnali e ben in rapporto tra di loro.

Pina Palmegiani
Dotata di talento,‭ ‬frequenta da anni il Corso di Pittura.‭ ‬Ha maturato una notevole esperienza pittorica e compositiva.‭ ‬Crea delle bellissime atmosfere realizzate con colore dato in modo nebuloso ma in rapporti tonali suggestivi,‭ ‬dopo attenta analisi degli elementi rappresentati.

Marilena Stirpe
è al sesto anno di corso,‭ ‬ama dipingere gli animali,‭ ‬i paesaggi e le nature morte.‭ ‬Bellissima la natura morta raffigurante oggetti e casalinghi dipinta in modo impeccabile e molto plastico.‭ ‬Ben riuscito il bricchetto con il rame.

Anna Evangelisti
Al primo anno di corso,‭ ‬mostra tanto amore per i paesaggi che realizza con colori delicati e con atmosfere poetiche.

Maria Antonietta Altobelli
Ama paesaggi montani ricchi di verde attraversati da ciclisti e podisti,‭ ‬in atmosfere di grande libertà,‭ ‬in rosso complementare del verde circostante.

Maria Teresa Picchi
Alla prima esperienza ha voluto cimentarsi nel ritratto della figliola che ha realizzato in modo dignitoso.

Marilena De Carolis
Pittrice molto autonoma,‭ ‬con proprio stile personale,‭ ‬semplice ma piacevole‭; ‬realizza quadri molto allegri dai quali traspare il proprio carattere e il proprio talento.

Filomena Naclerio
Pittrice residente a Ceccano,‭ ‬frequenta da anni il corso di pittura.‭ ‬Realizza paesaggi bellissimi ambientati nella sua terra amalfitana con grande calore e talento notevole.‭ ‬Bello il convento di Ceccano,‭ ‬valida composizione pittorica.‭ ‬Nel suo‭ “‬Architiello di San Felice‭” ‬si respira aria di mare.

Patrizia D’Arpino
Predilige le nature morte dalle quali traspare la sua vena malinconica e intimista,‭ ‬in chiave positiva e palpitante.‭ ‬Ha maturato un livello artistico pregevole.

Armando Troiani
Ama soggetti religiosi che gli derivano dalle sue molteplici visite ai santuari e nei pellegrinaggi.‭ ‬Esprime la sua fede con pitture incisive e determinate.

Angela Simonetti
Ama rappresentare la tragedia della guerra che produce morte e dolori,‭ ‬in particolare nei bambini che non hanno difesa,‭ ‬ritratti in smorfie di dolore e di spavento.‭ ‬è‭ ‬una pittura di denuncia.

Rita Mastronardi
è‭ ‬al primo anno di corso ma ha già maturato una certa padronanza della tecnica pittorica.‭ ‬Ha realizzato paesaggi e nature morte con stile realista.‭ ‬Di pregevole fattura il paesaggio‭ “‬Campo di lavanda‭” ‬con lo sfondo delle montagne innevate.‭ ‬Splendido il cesto con frutta,‭ ‬realizzato con passione e tanto amore.


Anagni - L'Architettura del ‘900

Gli incontri del 7 e del 14 giugno saranno dedicati all’architettura del ‘ 900 e, in particolare a quella italiana tra gli anni Venti e gli anni Quaranta. Le conferenze saranno a cura dell’ arch. Luigi Di Lorenzo.


giovedì 2 giugno 2016

Paliano - Ami il tuo lavoro? Ciclo di incontro riservato ad imprenditori

Mercoledì 8 giugno alle ore 19 all’agriturismo Bertacco di Paliano di terrà il primo incontro del ciclo “Ami il tuo lavoro? Vuoi avere successo?” organizzato dall’Associazione Energitismo Italian.
Questo primo incontro si incentra sul tema “Chi sei? Quanto vale il tuo marchio” ed è tenuto da Claudia Bettiol, ingegnere, sociologa e blogger di esperienza internazionali.
“L’idea di questi seminari è maturata da una lunga analisi del tessuto delle PMI italiane. Per il nostro portale Energitismo Special People Special Places abbiamo percorso per 3 anni l’Italia intervistando oltre 1000 imprese. Quello che è emerso è l’incapacità di fare rete per andare a cogliere le opportunità fuori dall’Italia.
Le imprese che da anni hanno avviato la loro internazionalizzazione sono in boom economico e hanno fatturati in crescita mentre quelle che coltivavano solo il mercato interno italiano sono in profonda crisi.
Oggi la concorrenza e maggiore e così i costi di farsi conoscere all’estero e le imprese devono fare rete. Ma il maggiore impedimento è nella natura stessa degli italiani, grandi e brillanti giocatori solisti ma con difficoltà a fare squadra.
Per questo abbiamo ideato un ciclo di seminari che li accompagnano al cambiamento che deve partire per prima cosa dentro di loro con una attitudine diversa al ruolo all’interno di un gruppo.”
Il ciclo di seminari comprende altri 8 incontri che trattano i temi dell’Identità, il turismo emozionale, come aggiungere valore collegandosi al territorio, nuovi modelli di impresa nel cibo, nell’arte e nell’artigianato. Seguono poi incontri dedicati alla comunicazione sullo Story Telling, l’uso del social network e delle immagini.
L’iniziativa ha avuto il patrocinio della Banca di Credito Cooperativo di Paliano e del Comune di Paliano da sempre attenti ad accompagnare gli imprenditori al cambiamento.
La prenotazione è obbligatoria e la partecipazione al seminario ha un costo di 60 Euro. Per informazioni e prenotazioni rivolgersi alla signora Roberta al 366 3696229
                                                  Energitismo

mercoledì 1 giugno 2016

Anagni e Guarcino nel Medioevo

Lo splendore e la decadenza di Guarcino nel Medioevo sono strettamente legati a quelli di Anagni e dei suoi Papi. Era di Guarcino Emilia Conti madre di Bonifacio VIII, suo zio era Alessandro IV (Rinaldo Conti) e il prozio Gregorio IX (Ugolino Conti). Il palazzo signorile più importante di Guarcino è quello del cardinal Tomassi, cugino di Bonifacio VIII. CR
Guarcino. In primo piano il palazzo del cardinal Tomassi


Vedute di Guarcino

lunedì 30 maggio 2016

Frosinone - Mostra conclusiva del Corso di Pittura tenuto dalla Unitre, e diretto da Alberto Vari

Enrico Fanciulli




Martedì 31 maggio alle ore 17:30, presso la Sala della Provincia avrà luogo l’inaugurazione della mostra conclusiva del Corso di Pittura tenuto dalla Unitre di Frosinone, e diretto dal Prof. Alberto Vari.
La mostra sarà presentata da Enrico Fanciulli. L’ingresso è libero

Alberto Vari


sabato 28 maggio 2016

Anagni - La stagione dell'Impressionismo e del Post-Impressionismo, a cura di Nicoletta Cellitti

Anagni - Si è conclusa, mercoledì 25 maggio 2016, presso la biblioteca comunale con grande successo di pubblico la serie di conferenze di Nicoletta Cellitti su Impressionismo e Post-Impressionismo. Le conferenze sono state organizzate da AnagniViva

Anagni Teatro - The Mask presenta “L'uomo e la maschera" Sala della Ragione, ore 21,00

Presso la Sala della Ragione ad Anagni, nell'ambito della rassegna d'arte "La Fenice", sabato 28 maggio alle 21,00. The Mask presenterà lo spettacolo teatrale “L'uomo e la maschera"
Lo spettacolo sarà presentato da Gaetano D'Onofrio. Ingresso libero.
Si ricorda che la rassegna di pittura e scultura terminerà il 29 maggio.

The Mask 2013

venerdì 20 maggio 2016

Anagni - Il 21 maggio 2016 l'INPS promuove un'apertura straordinaria delle sue sedi tra le quali il Convitto Principe di Piemonte

Anagni - Appuntamento con Arte e Storia! Il 21 maggio 2016, dalle ore 9:30 alle ore 18:30, l'INPS promuove un'apertura straordinaria delle sue sedi tra le quali il Convitto Principe di Piemonte
https://www.facebook.com/events/1197722426914002/

mercoledì 11 maggio 2016

Anagni - Rassegna d'arte "La Fenice" 2016

Sabato alle ore 18,00 presso la Sala della Ragione ad Anagni, sarà inaugurata la mostra di pittura e scultura nell'ambito della rassegna "La Fenice. La metafora dell'arte".  La mostra resterà aperta fino 29 maggio.

Opere (da sinistra in alto): Orestini, Gatto, Bragaglia, Dandini.
Opere  (da sinistra in alto): Carnevale, Caminiti, Fattori, Paluzzi, Rontani


Opere (da sinistra in alto) Necci, Fanciulli, Coppotelli, Fivoli



mercoledì 4 maggio 2016

Anagni - La stagione dell'Impressionismo e del Post-Impressionismo, a cura di Nicoletta Cellitti

Anagni - Oggi 4 maggio, organizzata da AnagniViva, si è tenuta presso la biblioteca comunale l'interessante  conferenza di Nicoletta Cellitti (Terre Rare) sull'Impressionismo. Sono state analizzate in modo completo e approfondito le opere di Manet, Monet, Degas e Renoir.


domenica 24 aprile 2016

Ferentino - La Pittura di Roberto Evangelisti. Recensione di Enrico Fanciulli


La presentazione di una mostra di pittura è contemporaneamente cosa interessante e lieta: è
interessante perché l’Arte, quando è tale, riesce a coinvolgere i propri fruitori; lieta poiché si assiste sempre con gioia al nascere di cose belle, generate virtualmente sulla tela dall’artista.
Roberto Evangelisti è da sempre innamorato dell’Arte. Ha studiato presso l’istituto d’Arte di Anagni ove ha avuto ottimi docenti ed ha fatto già allora le sue prime esperienze in campo pittorico.
In momenti felici, di maggiore disponibilità di tempo e serenità di mente, si è dedicato con grande passione al suo antico amore.
Il corso di pittura che ha frequentato presso l’affermata Università Unitre di Frosinone, tenuto con grande passione e competenza dal Prof. Alberto Vari, lo ha reso più preparato tecnicamente e lo ha arricchito e maturato nella personalità artistica sorretta da un innato talento.
Roberto si dedica all’Arte in un momento storico nel quale essa purtroppo è divenuta marginale in un contesto sociale ove l’apparire conta molto di più dell’essere.
La spiritualità, elemento portante dell’Arte, scema sempre più ed il sistema del reddito è stato elevato a livello di divinità, quale valore assoluto dell’esistenza, e nulla vi è al di fuori di esso.
La natura è quotidianamente vilipesa sul piano ecologico e snobbata e dissacrata anche da Artisti che si ritengono superiori ad essa al punto da eliminarla dal proprio discorso.
Va detto che Roberto è fortunatamente esente dalle deviazioni di certa arte contemporanea e che tira dritto per la sua strada, caratterizzata dall’amore per la natura fonte di vita, dalla semplicità con la quale si esprime, elemento tipico della vera arte, e da una vita interiore ricca e vivifica, sostenuta da una continua ricerca della Bellezza.
Il nostro pittore vede, pensa e metabolizza, proponendo attraverso un suo processo interiore di elaborazione i temi che affronta.
Il suo è un linguaggio comprensibile e schietto che parla alla mente ed al cuore dell’uomo: non fa Arte zoppa, cioè limitata alla mente del fruitore.
Quello che vuole dire, Roberto lo dice schiettamente, senza infingimenti e senza elucubrazioni mentali.
La sua pittura è figurativa e tonale e non ha bisogno di codici di decrittazione per essere letta, come purtroppo la moda corrente ed il cerebralismo di comodo sovente impongono.
Troviamo i quadri di Roberto dipinti con un’apprezzabile equilibrio compositivo, la costruzione avviene in modo pacato e riflessivo, con spunti di vivacità e di vigore espressivo.
Il tocco è felice e i colori sono dati in modo consono all’armonia dell’insieme, in un processo di fusione degli elementi naturali di riferimento con il proprio Io, secondo le determinazioni della propria mente e l’esecuzione talentuosa della propria mano.
Roberto esteriorizza le proprie sensazioni, le proprie emozioni senza enfasi, ma con uno stile misurato ed efficace.
Di particolare rilevo alcuni scorci paesaggistici, alcuni angoli cittadini ed alcune nature morte. In definitiva Roberto ha preparato una bella mostra da visitare con attenzione.


martedì 19 aprile 2016

Un libro racconta la storia del Gruppo Culturale Anagnino

Enrico Fanciulli



Agli inizi di marzo è stato presentato il volume «Incontri culturali», curato da Enrico Fanciulli.
In esso si ripercorrono le vicende del Gruppo Culturale Anagnino, nato nel settembre del 1977 per iniziativa di Nello Proia, che ci ha lasciato da qualche mese.
Questo gruppo con pochi finanziamenti e grazie al grande lavoro dei suoi aderenti ha costituito, per oltre vent'anni, un punto di riferimento importante per la cultura anagnina. Ha organizzato convegni su temi di varie discipline, politica, economia, poesia, arte, filosofia, astronomia, medicina, cui hanno partecipato figure di primissimo piano a livello nazionale. Leggendo questo libro, in cui si ripercorrono le vicende del gruppo, si resta colpiti dal gran numero e dalla qualità delle iniziative che pochi operatori culturali sono riusciti ad attuare. Ma soprattutto traspare la vivacità e lo spessore culturale dei suoi membri, uniti da legami di amicizia e grande collaborazione.

-----------------------


Anagni - Cittadini di Anagni di cui essere orgogliosi. - Enrico Fanciulli - Pittore, compositore e scrittore.


Ferentino - Mostra di Pittura di Roberto Evangelisti


Sabato 23 aprile c.a. alle ore 17:30 avrà luogo l'inaugurazione della Mostra di Pittura di Roberto Evangelisti in Ferentino, saletta di Via Guglielmo Marconi (vicino Porta San Francesco). Ingresso libero

mercoledì 9 marzo 2016

Anagni - Giornate di Primavera del FAI, 19 e 20 Marzo 2016

Il 19 e 20 Marzo 2016, in occasione delle Giornate di Primavera del FAI, ad Anagni sarà possibile visitare i seguenti monumenti: 1. Chiesa di San Pietro in Vineis con i suoi affreschi 2. Arcazzi di Piscina 3. Cantine di Palazzo Gatti (Anagni sotterranea) 4. Sostruzioni romane dell’Antico Foro di Anagni 5. Il “Grottone” dietro le Absidi.
https://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=914251685357225&id=367843543331378
https://www.tripadvisor.it/Restaurants-g1081282-Anagni_Province_of_Frosinone_Lazio.html




S.Pietro in Vineis

Gli Arcazzi
La cartina delle Giornate FAI con i luoghi da visitare ad Anagni.


lunedì 29 febbraio 2016

Caravaggio - La Maddalena di Paliano, 1606

Nell'estate del 1606, durante una lite di gioco, Michelangelo Mersi detto il Caravaggio uccide Ranuccio Tomassoni, un "capo rione" suo compagno di strada, di giochi e di avventure. Per sfuggire alle autorità pontificie inizia così una rocambolesca fuga da Roma e da questa odissea esistenziale scaturirà, paradossalmente, uno dei periodi più fecondi e interessanti della sua attività artistica. Uno dei suoi rifugi sarà il Castello dei Colonna, ospite della famiglia dei principi di Paliano che lì avevano un feudo, dove produrrà due delle sue opere più famose: "La Maddalena in Estasi" e "La Cena di Emmaus". Sono i primi dipinti in cui si manifesta la nuova sensibilità dell'artista, ferito nel corpo e nello spirito, che si esprime attraverso dei colori e un chiaroscuro dai toni drammatici e sobri. "La Maddalena in Estasi" è tornata nel 2006 in mostra nel Palazzo di Paliano che la videro venire alla luce.
-------------------------------------------------------------------------------------


lunedì 22 febbraio 2016

Ferentino - Innocenzo III e i marmorari romani


Nell'ambito dell'Anno Innocenziano  si è svolto il 21 febbraio 2016 a Ferentino un interessante convegno che ha affrontato  alcuni  importanti aspetti dell'arte e dell'architettura del periodo di Innocenzo III.  L'intervento di Pio Pistilli e  Lidia Benfante ha riguardato i “Marmorari romani al servizio d’Innocenzo III a San Saba”; quello di Luca Creti le opere di Jacopo di Lorenzo, uno dei più importanti maestri cosmateschi.
Grazie all'appoggio di Innocenzo III, Jacopo ebbe numerose committenze, tra cui il pavimento (da lui firmato) della cattedrale di Ferentino (circa 1203). Si deve invece al figlio di Jacopo, Cosma, il pavimento della cattedrale (1224-1227) e della Cripta (1231) di Anagni.

Pavimento della cattedrale di Ferentino (C. Ribaudo)
Grande partecipazione di pubblico con la presenza di numerosi studiosi (tra cui Nicola Severino), del sindaco di Ferentino Pompeo e del vicesindaco di Anagni Simona Pampanelli.
La serata si è conclusa con il bellissimo concerto di musiche tradizionali dell’Orchestra popolare “Borgo dell’arte”, diretta da Bruno Sorani (vedi link in basso).

domenica 17 gennaio 2016

Anthony Minghella (1954-2008), regista del film «Il paziente inglese» vincitore di 9 Oscar (1996) è di origini ciociare

Forse non molti sanno che Anthony Minghella (1954-2008), regista del film «Il paziente inglese» vincitore di 9 Oscar (1996) è di origini ciociare. Suo padre proveniva da Cervaro e i nonni materni da Vallerotonda.

http://cultura.biografieonline.it/riassunto-il-paziente-inglese/

https://it.wikipedia.org/wiki/Anthony_Minghella
http://cultura.biografieonline.it/riassunto-il-paziente-inglese/



mercoledì 6 gennaio 2016

Anagni - 8° edizione del Concerto dell'Epifania a cura della Confraternita di S.Antonio di Padova.

Domenica 3 gennaio si è svolta, con grande successo, l'8° edizione del Concerto dell'Epifania a cura della Confraternita di S.Antonio di Padova.Hanno partecipato, Lorella Fabrizi (soprano), Dajana Daluisio (soprano), Giorgio D'Andreis (tenore), Cecilia Nicolò (pianoforte), Vincenzo De Palo (violino). Ha presentato Andrea Di Palma. Video amatoriale.
. ------------------------------------------------------------

Anagni - Concerto per beneficenza tenuto dal baritono Brandon Matteo Ascenzi e l'Ensemble d’Archi “Armoniche Visioni”.


Anagni - Video amatoriale del concerto per beneficenza tenuto in Cattedrale, il 2 gennaio, dal baritono Brandon Matteo Ascenzi e l'Ensemble d’Archi “Armoniche Visioni”. Successo di pubblico e grande apprezzamento per l'Ensemble e per Brandon, che ha anche organizzato questo concerto. Brandon Matteo Ascenzi @AnagniArte
https://www.facebook.com/events/1538817086438593/

Anagni - Promesse della Lirica: Brandon Matteo Ascenzi


F.Schubert "Ave Maria"
--
J.S. Bach "Jesus bleibet meine Freude"